Seguire il “Flusso”.

Freccie di legnoProbabilmente sarà capitato ad ognuno di noi di trovarsi in un periodo particolare della vita dove succedono tante cose, e si devono prendere delle decisioni, magari di una certa rilevanza. Oppure si sente che la vita ci chiama per adempire alla nostra missione, ma non abbiamo idea di che cosa e come farlo. In queste situazioni la mente si fa in quattro per darci una mano. Cominciamo a valutare tutte le possibilità, ma alla fine nessuna ci soddisfa. “Se faccio così, allora succede questo, ma, no, no, no, non voglio quell’altra cosa”. Finalmente arriva una soluzione che soddisfa le nostre esigenze…. ma dieci secondi dopo incontriamo una persona che quasi magicamente riesce a smontare tutti i nostri buoni propositi. E allora anche questa nel cestino. A quel punto “ panico”, meglio dormirci sopra una notte. Poi ti alzi al mattino e cominci a chiederti, “come hanno fatto gli altri nella mia situazione”, “qual’è il segreto?”.  Cominci ad informarti leggendo, o magari frequentando corsi. E qui tutti ti dicono “se sei allineato con il tuo scopo della vita le cose accadono spontaneamente”, “se la tua energia fluisce libera le migliori opportunità si manifestano”, “ se sei nel flusso le sincronicità ti portano le migliori soluzioni”. Poi pensi “ si è vero”, e allora alla ricerca del “Flusso” incasinandosi del tutto.

Provo a spiegarvi cos’è il “Flusso” raccontandovi una mia esperienza. Chi ha letto qualche post precedente, sa che amo molto leggere. Io prenderei sempre molti libri, ma ultimamente mi sono imposto di acquistare solo quelli più interessanti. Per fare questo uso sostanzialmente due tecniche, li guardo da distante e aspetto quello che mi chiama, quasi venisse fuori dallo scaffale, oppure li prendo in mano e sentendo le sensazioni che mi trasmettono (una specie di test kinesiologico). Facendo questo negli ultimi mesi ho notato una cosa particolare. Ci sono dei libri dove la lettura avviene spontaneamente e sono quelli che lasciano fluire l’energia liberamente, e altri dove la lettura si inceppa, e sono quelli in opposizione alla mia energia. Subito non ho dato importanza a questa cosa. Poi studiandola ho notato che quando leggo una cosa che risuona su di me la mia energia cambia in meglio. Da qui il collegamento è semplice. Potrebbe essere il “Flusso”, quella cosa semplice che ci permette di eseguire le cose con facilità, senza pensarci troppo, e per allinearci ad esso bisogna bisogna fare quelle azioni che a noi sembrano insignificanti, ma che hanno la proprietà di trasportarci nello stato mentale dove tutto succede spontaneamente. E allora da buon sperimentatore ho introdotto nella mia vita molte piccole cose che mi danno gioia e allineano la mia energia. Fare questo mi sta portando a creare una specie di accordatore, un diapason, in grado di sintonizzarmi con quell’energia che cercavo e che porta quello che occorre nella mia vita.

Ognuno di noi ha qualcosa che ama fare, che lo ricarica, e dove perde la cognizione del tempo e dello spazio. Probabilmente dentro la c’è la manopola per sintonizzarsi con il “Flusso”. E il segreto è proprio questo: “fare il più possibile cose che amiamo e ci vengono naturali ci allinea con lo scopo della vita”.

Angel blessings.

 

 

 

Category: Senza categoria
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.